UN INTERMEDIARIO

 

E se ora, cara Anima,

dopo ciò che hai letto sul mio diario

sei ancora possibilista sul fatto che le mie condivisioni

possano non essere semplici riflessioni d’un ingenuo bambino

ma quelle di un artista, intermediario del divino …

per rassicurarti e per donarti un po’ di serenità …

IO …

 … <<posso dirti che la mia voce proviene da un mondo in cui si accorda un ruolo di grande importanza alle arti nell’accesso ad uno stato di coscienza superiore. Da noi, l’artista è come un sacerdote, nel senso nobile del termine. Un sacerdote senza religione; un semplice intermediario tra ciò che si riesce a cogliere del Divino e la Creazione del Divino stesso. Per questo motivo la funzione dell’artista diventa necessariamente sacra. L’artista non cerca forse di tradurre e poi di far sviluppare i germi di quell’Intraducibile che ci incita a elevarci? L’artista è anche ambasciatore, egli ha il compito di riflettere la visione luminosa che lo nutre. La sua anima è quindi percepita come permeabile, poiché lascia trapelare l’Onda vivente che chiede di circolare fra gli universi. Certo, certo, vi parlo di un mondo in cui le pattumiere della psiche sono state svuotate da lungo tempo, un mondo in cui le pulsioni egotistiche sono state digerite e poi bruciate, un mondo in cui vige l’armonia. Lasciatemi ancora dire che l’artista consapevole del proprio ruolo – cioè di ciò che deve imparare e poi trasmettere – ha il compito d’invitare in sé la magia divina, qualunque idea ne possa avere. Con questo atteggiamento comprende di potersi dispiegare ed educare e poi iniziare attraverso la gioiosa condivisione di Ciò che passa attraverso di lui. Sì, è un sacerdote senza chiesa e senza dogmi. Ecco la ragione per cui la sua è una perfetta pratica di Risveglio. In questo modo, ve lo affermo, l’arte può diventare una via di liberazione del Divino in se stessi. Accarezzando i sensi affina il corpo dell’anima e c’insegna a mettere insieme le lettere dell’alfabeto dell’Eternità … e poi … Guardatevi semplicemente intorno, contemplate questa natura, questa Terra, questo cielo e questo cosmo che vi accolgono. Tutto ciò non è forse opera di un artista assoluto? Alcuni diranno che è piuttosto l’opera di un geometra o di un architetto. È vero anche questo, ma con la parola artista intendiamo globalmente ciò che genera armonia e bellezza. Vedete, la bruttezza, secondo noi, è sempre segno di sofferenza e di separazione dal proprio Sé superiore, parla del tranello che una forma di vita sta esplorando nel vecchio mondo>> … prima d’approdare al Nuovo …

(Fonte: Daniel Meurois-Givaudan, “Come dio divenne DIO”. © 2006 Macro Edizioni, pag 131 -132, stralcio)

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

5 risposte a UN INTERMEDIARIO

  1. L'amico Mauro ha detto:

    Si sente …
    che TU … Vivi … estasiato …
    in una dimensione … inesistente …

    … Te lo dice, serena-mente …
    UNO … che non ha studiato …
    https://amicidimauro.wordpress.com/2015/12/13/laurea/
    😀

  2. Pingback: LE SO | La Nuova Era

Rispondi a Daniele Annulla risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...