SOLLEONE

Grazie all’abbondanza d’informazione,

chiunque, oggi, può togliersi la soddisfazione

d’accertare, personalmente,

ciò che affermano, rispettiva-mente,

scienza, storia e religione,

sul periodo più caldo dell’anno,

conosciuto, comune-mente,

col nome di “Solleone” …

Anche se, ovvia-mente,,

lo si può tranquillamente sperimentare

quando, improvvisamente,

senza fare niente,

si comincia a sudare copiosa-mente …

Ma, a quel punto, cosa si può fare?

C’è gente che preferisce il fresco del bosco

e chi, invece, ne approfitta per recarsi al mare

ove, più facilmente, si può incontrare tantissima gente

che passeggia gioiosa-mente, rischiando l’insolazione  …

per procurarsi, probabilmente, l’occasione

d’incontrare chi, finalmente,

 l’aiuterà ad uscire dalla propria illusione …

Ma chi preferisse approfondire,

con una facile spiegazione,

potrà leggere la seguente riflessione:

“In estate, il periodo di caldo afoso e opprimente, specialmente nelle ore centrali della giornata, caratterizzato da alti valori di temperatura e di umidità, con assenza di vento e grande afa è conosciuto come “canìcola”, situazione provocata dal “solleone”.
La canicola deve il suo nome dal latino Canicula “piccolo cane”, denominazione alternativa di Alpha, la stella più luminosa della costellazione del Cane Maggiore, che dal 24 luglio al 26 agosto, sorge e tramonta con il Sole, definendo con questo il periodo della “canìcola”.”

(Fonte: http://www.orsomarsoblues.it/2016/07/perche-si-dice-canicola/)

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

4 risposte a SOLLEONE

  1. Daniele ha detto:

    Una bestia feroce il leone?
    Chi lo conosce sa che anche in lui
    c’è un tenero gattone …
    https://www.sentieroastrologico.it/leone/

  2. orchideagialla ha detto:

    Se parlate di gatti
    perché non anche di cani …
    tanto son tutte leggende riferite a miti pagani …

    “La leggenda di San Cristoforo, narra di un Cinocefalo convertitosi al cristianesimo. San Cristoforo presenta caratteri comuni sia al dio egizio (il Santo traghetta Gesù bambino, portandolo sulle spalle, da una riva all’altra di un fiume, così come Anubi traghetta le anime fra il regno dei vivi a quello dei morti) sia ai molteplici racconti di Cinocefali (talvolta San Cristoforo viene rappresentato come un gigante, attributo condiviso da diverse popolazioni di uomini/cane). La figura di San Cristoforo sarebbe, anche, un retaggio di culti pagani legati al moto astronomico di Sirio, stella appartenente alla costellazione del Cane Maggiore. La festa del Santo cade il 25 luglio e il riferimento astronomico riguarderebbe il periodo della canicola (o solleone) termine per indicare un periodo caldo ed afoso che parte dal 24 luglio arriva al 26 agosto, giorni in cui il sorgere e tramontare di Sirio coincidono con quelli del Sole. Altro Santo legato alla canicola è San Rocco, la cui festa è il 16 agosto, è un Santo molto popolare in Romagna.” …
    (Fonte: http://romagnamare.altervista.org/il-cane-luomo-e-le-leggende/)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...