MAGI

Recita una curiosa,

favolosa, filastrocca,

conosciuta da tanta “piccola gente”

(chissà perché ritenuta sciocca)

Oh magi d’Oriente

siete proprio belli

avvolti nello splendore, scintillante,

dei vostri eleganti mantelli!

Da tanto, instancabilmente, siete in cammino

in sella ai vostri curiosi cammelli 

per raggiungere il pargolo divino,

figliolo di Maria,

puntualmente, nel giorno dell’Epifania …

Noi speriamo …  anche quest’anno …

che superiate ogni difficoltà …

ma se anche foste in ritardo …

il 6, 7 o 19 gennaio non farebbe differenza,

rallegrereste, comunque, l’esistenza

di gran parte dell’umanità!”

P.S. segue un’altra bella storia, più adatta ai “grandicelli …

che ancora stessero cercandotra i tanti bambinelli …

la loro verità …

TRE RE

Che bello!

Ho scoperto, finalmente, perché “loro” …

i tre Re“,

infaticabilmente, cercano il bambinello …

sicura-mente per portargli in dono:

incenso, mirra e … “oro” …

Elementi che già nell’antichità erano usati dai sacerdoti di Zarathustra nelle cerimonie dedicate alla loro divinità … Cosa, questa, nota già ai tempi di papa Paolo III, il quale disse, chiara-mente, che Cristo, nella nuova religione, del Dio Sole … rappresenta l’incarnazione. Comunque, dopo tanta strada, alla fine … quelli raggiungono sempre il Salvatore, nel giorno dell’Epifania, che in Oriente, semplice-mente, coincide col Natale del Signore!!!

 

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

3 risposte a MAGI

  1. cometeduale ha detto:

    Riguardo alla “befana” …
    “L’origine dell’odierna protagonista dell’Epifania è da ricondurre ad alcuni riti propiziatori pagani: gli antichi credevano che nelle prime dodici notti dell’anno, fantastiche figure femminili volassero sui campi appena seminati per propiziare i raccolti futuri. Con la diffusione del Cristianesimo, la Chiesa condannò queste credenze, ma il popolo non smise di essere convinto che tali vagabondaggi notturni avvenissero, solo li ritenne non più benefici, bensì infernali. Tali sovrapposizioni diedero origine a molte personificazioni diverse che sfociarono, nel Medioevo, nella nostra Befana. C’è chi sostiene che sia vecchia e brutta perché rappresenta la natura ormai spoglia che poi rinascerà e chi ne fa l’immagine dell’anno ormai consunto che porta il nuovo e poi svanisce. Il suo terribile aspetto, rappresentazione di tutte le passate pene, assume cosí una funzione apotropaica e lei diventa figura sacrificale. E a questo può ricollegarsi l’usanza di bruciarla.”
    (Fonte: http://www.meteoweb.eu/2014/12/capodanno-tradizioni/367645/#gC1RR0Z5Hm4PhbHB.99)

  2. Daniele ha detto:

    Befana o Epifania?
    https://gilgameshdisumer.wordpress.com/2019/01/01/befana/

    Quel che è certo è che,
    come recita un altro proverbio …
    https://amicidimauro.wordpress.com/?s=Proverbi
    “Lei” … “tutte le feste porta via” …
    😀

  3. Pingback: DALL’ORIENTE – astronascenteblog

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...